HOTELS, RESTAURANTS, SHOPPING, ARTS AND EVENTS IN VENICE & VENETO

Verona: vederla e subito innamorarsene, e poi tornare per scoprirla. Da più di due millenni, le mura della città proteggono preziose gemme di arte, storia e cultura, che brillano donando ai suoi cittadini e ai visitatori di tutto il mondo uno spettacolo unico e seducente. Patrimonio storico e culturale dell’umanità, ha incantato pittori, poeti, viaggiatori e personaggi illustri di ogni epoca. Verona, vera opera d’arte, affascina tutti: gioco di influenze tra epoche, culture, intreccio di saperi, commistione di cultura classica e germanica, nordica e solare, antica e dinamica allo stesso tempo. Passeggiando tra i vicoli un’inattesa armonia di scorci di epoche storiche diverse incanta ad ogni passo: le  tracce delle fastose origini romane, la definita impronta medievale e dei suoi cavalieri scaligeri, i grandiosi palazzi rinascimentali, assieme alle imponenti fortificazioni che la proteggono.

HOTEL

B&B Alle Torri
Il B&B è in Borgo Milano sul canale Camuzzoni con molto verde attorno. Da una parte e dall’altra della casa ci sono due giardini verdi e fioriti. Il B&B è insonorizzato. L’appartamento è nuovo elegante, con ascensore, due terrazze panoramiche, Bus sotto casa che porta in stazione in 4 min.
Via Galvani, 63a – Verona. Tel. 045 56 33 21.  Camera da 35 euro

B&B Abacus
E’ a pochi passi dal centro storico e dispone in un contesto elegante, di confortevoli camere con ingresso indipendente, aria condizionata personale e bagno interno. E’ prevista la pulizia giornaliera e il cambio periodico della biancheria. Possibilità garage e uso cucina su richiesta.
Via Pindemonte, 2b Verona Tel. 045 83 50 557  Camera da 40 euro

Hotel Mastino ***
Completamente rinnovato, elegante e confortevole, dispone di sala-meeting e di camere dotate di servizi, telefono automatico, frigobar, aria condizionata,TV color, american buffet e garage a richiesta. Un’accoglienza familiare ed un’ospitalità di prima classe vi attendono a Verona.
Corso Porta Nuova, 16 Verona. Tel. 045 595388 Camera da 100 euro

Hotel De’ Capuleti ***
Un soggiorno confortevole nell’hotel De’ Capuleti. Camere tranquille con telefono e servizi, ascensore, bar, garage, sala lettura. A pochi metri dal centro storico e dalla tomba di Giulietta.
Via del Pontiere, 26 – Verona. Tel 045 8000154 Camera da 90 euro

PRIMO GIORNO

POMERIGGIO

Piazze delle Erbe
La piazza ricalca l’impianto dell’antico Foro Romano e per secoli è stata il centro della vita politica ed economica della città. La zona centrale (il cosiddetto “toloneo”) è ancor oggi animata da un colorato mercato. Tra le bancarelle con ombrelloni bianchi si ergono colonne e monumenti. La piazza è incorniciata da palazzi ed edifici che hanno segnato la storia di Verona. Sempre provenendo da Corso Mazzini, all’angolo sud-est della piazza si può osservare una serie di edifici che conservano ancora le linee strutturali delle case-torri d’età comunale, residuo dell’antico ghetto.

Piazza dei Signori
Originata dallo sviluppo dei palazzi in cui si decideva la vita politica e amministrativa, soprattutto del periodo scaligero, la piazza è circondata da edifici monumentali collegati fra loro da portici e arcate, quasi a creare una specie di corte interna. Al centro della piazza di trova il monumento a Dante (1865), statua di 3 metri in marmo bianco di Carrara, eretta in occasione delle celebrazioni del sesto centenario della nascita del poeta, che presso la corte di Cangrande trovò il suo primo rifugio dopo l’esilio da Firenze.

Palazzo del Comune o della Ragione
Costruito alla fine del XII sec. fu sede del Comune, della Pretura e della Corte d’Assise (1875). Durante il dominio veneziano fu sede del Tribunale, delle carceri e del Collegio dei Notai, di uffici e depositi commerciali, del granaio pubblico e altro ancora. Il palazzo ha pianta quadrata e in origine presentava 4 torri angolari (ne restano solo due, delle altre sono presenti tracce nelle strutture interne del palazzo).

Palazzo del Capitanio o del Tribunale
Residenza scaligera già dal XIII sec. e ricostruito da Cansignorio nella seconda metà del XIV sec.; la costruzione fu ristrutturata alla fine dell’800 per accogliere gli uffici giudiziari. Il palazzo presenta un massiccio torrione scaligero, un bel portale di Michele Sanmicheli, un cortile centrale del XV sec., chiuso e delimitato da una loggia a tre ordini con portico; da ricordare anche la porta dei Bombardieri, del XVII sec.

Scavi archeologici
Gli scavi eseguiti hanno portato alla luce numerosi resti archeologici romani e medievali, ora lasciati in vista. L’area interessata è costituita dalla zona del cortile del palazzo, di Via Dante e di una parte del Palazzo del Comune ed è una delle aree archeologiche urbane più estese del Nord Italia. In età romana, la zona era occupata da case più volte ristrutturate, fino al V sec. d.C.
Piazza dei Signori Tel. 045.8007490 Orari d’apertura da martedì a domenica ore 10-19 Chiuso il lunedì.

CENA

Michelangelo
La cucina del ristorante è un’interpretazione della cultura culinaria tradizionale, con particolare attenzione ai sapori originali dei prodotti accuratamente scelti delle migliori qualità. L’ambiente del ristorante è elegante, curato nei dettagli, raffinato. L’atmosfera coinvolgente, piena di charme, soffice e suggestiva, farà sì che, per un attimo, vengano tenuti lontani i rumori e la frenesia della vita quotidiana, regalandovi momenti indimenticabili..
Via Giosuè Carducci, 34 – Verona. Aperto a pranzo e cena Chiuso la domenica Telefono: 045590909

Vecio Mulin
Un ristorante che sa di intimo, di delicato, di uno chic non ostentato. L’atmosfera è ricercata e la saletta superiore si affaccia sull’Adige, che si scorge dalle enormi vetrate. L’amore per la cucina genuina e semplice pervade tutti i piatti, prevalentemente appartenenti alla cucina mediterranea. Le origini partenopee dei gestori, conducono le scelte culinarie a piatti semplici e gustosi, appena impreziositi da influssi creativi dati dallo chef. Il menù racchiude proposte principalmente di pesce, ma anche valide alternative di carne e contorni di verdure di stagione. La carta vini mostra una ricca varietà di etichette di aziende locali.
Via sottoriva, 42/a – Verona Aperto pranzo e cena. Chiuso domenica a pranzo e mercoledì tutto il giorno. Telefono: 0458065146

SECONDO GIORNO


MATTINO

Arena
L’anfiteatro Arena è il monumento più famoso di Verona, da sempre meta d’obbligo per visitatori che qui giungono da tutto il mondo. Incastonato in Piazza Bra’, l’anfiteatro di Verona fu costruito nella prima metà del I sec. d.C., tra la fine dell’Impero di Augusto e quella dell’Impero di Claudio. Terzo anfiteatro più grande d’Italia dopo il Colosseo e l’anfiteatro di Capua, ha forma ellittica, per consentire un’acustica perfetta da tutti i punti e accogliere un gran numero di spettatori. Gli spettacoli si svolgevano proprio al centro del monumento, sull’ ”harena” (da cui il nome) sabbia usata come copertura della zona del combattimento per assorbire il sangue di gladiatori e animali. Tra platea e cavea, l’anfiteatro poteva contenere ben 30.000 persone. Oggi l’Arena si trova all’interno delle mura, ma un tempo, proprio come gli stadi odierni, si trovava appena fuori la cinta di mura, per motivi di sicurezza e per favorire l’accesso della gente anche dal contado e dalle zone limitrofe. Nel 265 d.c., la minaccia di orde di barbari, portò l’Imperatore Galieno a dover difendere la città di Verona e così l’Arena venne cinta da mura e inglobata nella città.

Casa Capuleti
Casa Capuleti, meglio nota come casa di Giulietta, risale al XIII secolo. E’ una casa torre, per lungo tempo di proprietà della famiglia Dal Cappello, il cui stemma è scolpito sull’arco inteno del cortile. La facciata in mattoni a vista è decorata da eleganti finestre, tra cui spicca il famoso balcone dal quale Giulietta si sarebbe affacciata per parlare con Romeo. Disposta su vari piani e visitabile acquistando un biglietto, offre una verosimile ricostruzione delle tipiche dimore signorili del quattordicesimo secolo, valorizzata da una vasta scelta di ceramiche medioevali.
Via Cappello, 23 – Verona. Info: 045.8034303 Aperto da martedì a domenica ore 9-19. Lunedì dalle 13.30 alle 19.30

PRANZO

La Taverna Del Mastino
Un ristorante particolare, una taverna piccola e raccolta, quasi uno scrigno del gusto da aprire con calma ed assaporare fino in fondo. All’ingresso dà il benvenuto una vasta esposizione di bottiglie, che mostra subito la qualità e la ricercatezza delle etichette, che comprendono vini di tutto il territorio nazionale. L’anticamera è una taverna nella taverna, con i suoi piccoli tavolini di legno chiaro e le botti che occhieggiano dagli angoli e fa da apripista alla sala ristorante, deliziosa e raccolta, elegante con modestia, ma cura evidente dei dettagli. Il menù presenta una cucina che predilige i piatti della tradizione, ma non disdegna proposte creative e ricercate. Notevoli le proposte di carne, che vanno dal brasato all’amarone al filetto di cervo con salsa al sambuco, dal fegato alla veneziana alla fiorentina.
Stradone san fermo, 17 – Verona  Aperto a pranzo e cena chiuso sabato a pranzo Telefono: 0458006200

POMERIGGIO


Chiesa S. Zeno Maggiore
Capolavoro del romanico in Italia, fu fondata da re Pipino (o secondo alcuni rifondata) tra l’VIII e il IX sec., sulla tomba del patrono di Verona, attorno al quale si era sviluppato un culto con radici antiche (V sec.). Le attuali strutture romaniche sono dovute principalmente alle modifiche attuate nel XII sec., dopo il terremoto del 1117. Solo l’abside, rifatto alla fine del XIV sec., presenta forme gotiche. L’interno è a croce latina a 3 navate, divise da pilastri cruciformi, alternati a colonne con capitelli a motivi zoomorfi e capitelli corinzi provenienti da edifici romani. Il soffitto ligneo carenato è della fine del ‘300. La chiesa è ricca di opere d’arte: vi si trovano opere pittoriche dal XIII al XVI sec. e opere scultoree del XII, XIII e XIV sec.
Piazza San Zeno – Verona . Info: 0458006120. Orari di visita: feriali ore 10-18; festivi ore 13-18

Museo Storia Naturale
Il Museo Civico di Storia Naturale, il cui attuale nucleo di esposizione risale al 1962, è l’erede di una lunga tradizione di studi e di raccolte naturalistiche. Le collezioni del Museo, organizzate nelle sezioni di Botanica, Geologia e Paleontologia, Preistoria, Zoologia, comprendono milioni di oggetti naturali che costituiscono un patrimonio di eccezionale importanza e ricchezza.
Palazzo Pompei Lungadige Porta Vittoria, 9 Verona Tel. 045 8079400 Apertura ore 9-17

CENA

Al Mascaron
Situato nella bellissima Piazza di S.Zeno, è uno dei “salotti” più in di Verona. Arredato con gusto ricercato e giovanile, il Mascaron, da anni, è la tappa obbligatoria per il rito dell’aperitivo e non solo. E’ possibile scegliere tra primi caldi, piatti freddi, carpacci,formaggi, toast e spiedini di frutta. Specializzato nei vini, con più di 80 maison presenti, propone bianchi, rossi e spumanti provenienti da varie regioni italiane (principalmente Veneto, Toscana, Campania, Abruzzo, Sicilia e Marche) a cui si aggiungono champagne e nettari esteri, in particolare francesi.
Piazza S. Zeno, 16/a, Verona (Vr). Info: 045597081. Pranzo da 15 euro (vini esclusi)

Trattoria Al Calmiere
Nell’ampia sala quadrata, i tavoli, ben disposti, si raccolgono attorno ad un massiccio camino di pietra nembro, sorretto da due figure mitologiche, la presenza di numerosi separè in vetro soffiato. Al ristorante Al Calmiere  trovate la semplicità di cibi, con paste fresche servite in bianco (burro o olio), lasciando la scelta al cliente di 4 sughi (ragù, pomodoro, piselli e fegatini di pollo), gli immancabili tortellini e la ben nota pasta e fagioli e infine tagliolini in brodo. Per i secondi piatti ‘esplosione’ di carni bollite e poi carne di manzo, cavallo e maiale alla brace. Si aggiungono contorni misti di stagione e carrello dessert, con frutta e dolci.
Piazza San Zeno, 10 – Verona (Vr). Info: 0458030765. Aperto a pranzo e a cena. Chiuso la domenica e lunedì.

TERZO GIORNO


MATTINO

Area archeologica del Teatro Romano
Il complesso teatrale è costituito da edifici di epoche diverse, inseriti in un suggestivo ambiente naturale collinare. In origine si estendeva, con terrazzamenti successivi, dalla riva dell’Adige alla sommità del colle ed era coronato da un tempio i cui resti sono venuti alla luce nel 1851, quando gli austriaci cominciarono gli scavi per la ricostruzione di Castel S. Pietro.
Il Teatro Romano fu costruito all’inizio del I sec. d.C. e sulle sue rovine furono costruiti edifici religiosi e abitazioni che col tempo celarono completamente le strutture del Teatro. L’edificio è costituito dai resti dell’edificio scenico, dell’orchestra, della cavea, di due ordini di gallerie e di 3 terrazze di raccordo con la sommità del colle.
L’edificio scenico (di cui oggi si conservano solo i muri portanti in tufo) in origine era alto quanto l’intera cavea ed era ornato da statue (ora conservate presso la portineria del Teatro) e da ricche decorazioni architettoniche. La prima grande terrazza, la più spaziosa, è in gran parte occupata dalle strutture dell’ex convento di S. Girolamo (sede del Museo) e conserva i resti di un ninfeo (finta grotta ornamentale) scavati nella parete di tufo all’estremità occidentale.
A lato del complesso teatrale sono visibili i resti dell’Odeon, raccordato al Teatro.
Rigaste Redentore 2 Tel. 045.8000360 Orari d’apertura: da martedì a domenica ore 9-19  Lunedì dalle 13.45 alle 19.30

Museo Archeologico
Dalla loggia ricostruita del Teatro Romano si accede (con l’ascensore) al Museo, ospitato dal 1924 nell’ex convento di S. Girolamo. Sono esposte alcune sculture di marmo del I sec. d.C., mosaici del II e III sec. d.C. e, nelle vetrine, terrecotte dal periodo greco (alcune del V sec. a.C.) al periodo romano. Lungo il corridoio sono esposti ritratti marmorei. Nel refettorio (sulle pareti, resti di un affresco attribuito a Giovan Francesco Caroto) sono conservate sculture di marmo per lo più di provenienza veronese. Tra le altre, una copia romana di statua femminile greca seduta, del II sec. d.C., rinvenuta in piazza Duomo come le due notevoli figure femminili di grandi dimensioni e riccamente drappeggiate. Sul pavimento del refettorio è stato inserito un mosaico policromo della fine del III sec. d.C., rinvenuto a Verona, con motivi animali, vegetali e legati al culto dionisiaco. Nella Cappella di S. Girolamo si trovano affreschi del XV e XVI sec., fra cui un’Annunciazione di Giovan Francesco Caroto; il soffitto (XIV sec.) è costituito da pannelli di legno dipinti a motivi vegetali, alternati a scudi e rosoni.
Sono inoltre esposti un crocifisso ligneo del tardo XV sec. e le iscrizioni dedicate alle Matrone, divinità celtiche venerate anche nel periodo romano.
Rigaste Redentore 2 Tel. 045.8000360 Orari d’apertura: da martedì a domenica ore 9-19  Lunedì dalle 13.45 alle 19.30

PRANZO

La Stueta
Un risorante che racchiude in sè tutta la magia e l’atmosfera di una vecchia osteria veronese che, attraverso la cucina tipica, racconta la storia della città. Molto nota tra gli stranieri, questa osteria è tutta da scoprire anche per noi veronesi. Atmosfera informale ed accogliente, gestione simpatica e disponibile, offerta di piatti di alta qualità preparati in casa con prodotti freschi di stagione; oltre a quelli tipicamente veronesi, troviamo anche piatti più creativi, come le varie insalate di farro, con verdure o con frutti di mare. Tutti i dolci sono fatti in casa (assolutamente da assaggiare la panna cotta preparata fresca ogni giorno). Da segnalare che, qui, un vegetariano può scegliere tra una grande varietà di proposte, componendo un menù che va dall’antipasto al secondo.
Via Redentore, 4/b – Verona. Info: 0458032462. Aperto a pranzo dalle 12.00 alle 15.00 e a cena dalle 19.00 a mezzanotte. Chiuso venerdì a pranzo e martedì tutto il giorno.